mercoledì 9 luglio 2014

Tris di cereali con friggitelli, calamari e pomodorini

Con il nome di friggitelli indichiamo dei piccoli peperoni verde intenso, dal sapore dolce, non piccante. Sono un piatto tipico della Campania, conosciuti come friarielli, e che vengono spesso consumati fritti.
Io invece ve li propongo oggi in una chiave sicuramente più leggera, insieme a dei pomodorini pachino sempre di stagione e a del pesce,che nella ricetta in questione è un calamaro. Ma voi potete ovviamente scegliere altre tipologie di pesce che più vi piacciono, ad esempio gamberi o anche frutti di mare. Il tutto va a condire un tris di cereali, orzo, farro e riso, pronto per essere consumato subito o anche il giorno successivo come insalata fredda.

INGREDIENTI PER 2 PERSONE160 g di misto di cereali integrali (riso, orzo, farro); 250 g di calamaro privo delle interiora; 10 peperoni friggitelli; 10 pomodorini pachino; 1 scalogno; 1 peperoncino; 2 cucchiai di olio evo; sale q.b

Portate a bollore dell'acqua salata per la cottura dei cereali. Nel frattempo pulite lo scalogno ed affettatelo sottilmente. Private i peperoni del picciolo e dei semi interni, quindi affettateli a striscioline. Riducete anche il calamaro a striscioline. Fate imbiondire lo scalogno in una padella con olio caldo, quindi aggiungete il peperoncino, i friggitelli e i pezzi di calamaro; lasciate cuocere per una decina di minuti. Nel frattempo lessate i cereali in acqua salata per il tempo riportato sulla confezione. A cottura ultimata, scolateli e mantecateli nella padella con i friggitelli e calamari, aggiungendo i pomodorini pachino che dovranno cuocersi solo leggermente.

INFORMAZIONI NUTRIZIONALI: i calamari appartengono alla famiglia dei molluschi, pesci privi di scheletro e nel caso di calamari, seppie e polpo, privi anche di conchiglia di protezione. Sono pesci magri, dal basso contenuto calorico (70-85 kcal/100g), pochi grassi costituiti principalmente da omega-3. I molluschi sono un'ottima fonte di vitamina B12, oltre che notevoli quantità di minerali quali iodio, ferro, zinco e calcio (specie in vongole e cozze).
Questo piatto contiene circa 60g di carboidrati, 21,5 g di proteine e 10,8g di grassi, quindi è un pasto bilanciato, un piatto completo ricco di proteine nobili, fibre dei cereali integrali e delle verdure e di preziosi sali minerali e vitamine, alleati della nostra salute.

2 commenti:

  1. Bella ricetta, ma attenzione: a Napoli per friarielli di solito intendiamo i broccoletti, le infiorescenze delle cime di rapa!

    Complimenti per il blog!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per i tuoi complimenti e per la precisazione. Ho preso informazioni da questa pagina di wikipedia http://it.wikipedia.org/wiki/Friarielli_(peperoni) che riporta tra le note un link (http://www.ilgiornaledelcibo.it/tra-frigo-e-dispensa/prodotto.asp?id=555) che puntualizza ciò che si intende per friarielli a Napoli e in Campania. Nel mio post mi sono riferita al significato regionale che vede i friarielli come peperoncini. Invece a Napoli, come tu hai giustamente hai evidenziato, i friarielli sono le infiorescenze delle cime di rapa. Trovo l'Italia un paese fantastico per la sua immensa cultura gastronomica e per le tante tradizioni culinarie.
      Continua a leggermi se ti fa piacere.
      Valentina

      Elimina